venerdì 20 gennaio 2017

LATTE DI RISO



E’ possibile preparare il latte di riso in casa ma va ricordato che il riso contiene naturalmente spore del batterio “Bacillus Cereus” che può causare avvelenamento da cibo  con conseguente diarrea, vomito e crampi addominali. “Bacillus Cereus” è un batterio che muore durante la cottura ma protegge il proprio DNA formando una spora dura e resistente al calore. Non appena le condizioni tornano favorevoli con una temperatura adeguata, presenza di acqua e nutrimento il batterio si forma nuovamente a partire dal DNA contenuto nelle spore e per questo motivo è impossibile liberarsi da questo batterio, si può solo controllare il suo proliferare con strette procedure igieniche e controllo della temperatura. A livello industriale il sistema HACCP utilizzato dagli operatori garantisce che il prodotto finito sia adatto al consumo umano e se conservato in frigorifero dopo l’apertura della confezione possa essere consumato tranquillamente nel corso di 2 – 3 giorni. A casa bisogna fare molta attenzione; il riso deve essere cotto e utilizzato immediatamente e il latte ottenuto refrigerato nel più breve tempo possibile e non oltre i 90 minuti dalla bollitura, mantenuto sempre in refrigerazione e consumato entro un paio di giorni al massimo.

INGREDIENTI: (Per 750ml di latte di riso circa)
  • 2 bicchieri di acqua filtrata o minerale naturale
  • 100 gr di riso integrale bollito
  • ½  - 1 cucchiaio di zucchero integrale (o altro dolcificante a piacere)
  • ½ cucchiaino di estratto di vaniglia (opzionale)

PREPARAZIONE:

  • Mettere tutti gli ingredienti in un frullatore e iniziando a bassa velocità, incrementare la velocità e frullare bene fino a raggiungere la consistenza desiderata
  • Filtrare con un tessuto di tela pulito o con un filtro apposito per i formaggi
  • Refrigerare immediatamente o appena si raffredda un poco, in ogni caso mai superare i 90 minuti a temperatura ambiente.
  • Consumare entro 2 giorni.

Photograph courtesy of Rob & Dani, published with permission: https://creativecommons.org/licenses/by/2.0/

giovedì 19 gennaio 2017

DIGESTIVO - DEPURATIVO NATURALE




Erbe e spezie sono comunemente contenute nei liquori  e negli elisir digestivi sotto forma di macerato, ma l’alcool spesso anziché aiutare il processo digestivo lo complica e molte persone preferiscono evitarlo quando il loro stomaco è già affaticato o quando si sentono gonfi.

Le tisane hanno il vantaggio di offrire gli stessi principi attivi, coadiuvati dal calore della bevanda che funge da catalizzatore e in più sono più leggere e possono essere preparate secondo necessità al momento del consumo.

INGREDIENTI: (Per  2 tazze di infuso)

  • ½ Cucchiaino di anice verde
  • ½ Cucchiaino di semi di finocchio
  • ½ Cucchiaino di foglie di salvia essiccate o 2 – 3 foglie fresche
  • 1 cucchiaino di radice di liquirizia
  • ½ Cucchiaino di foglie di menta o 4 – 5 foglie di menta fresche

PREPARAZIONE:

  • Portare ad ebollizione acqua sufficiente per l’infuso, una volta che l’acqua bolle aggiungere le spezie e le erbe e bollire per un paio di minuti.
  • Spegnere il fuoco e lasciare in infusione per 5 – 10 minuti, filtrare, dolcificare a piacere e bere calda

Photograph courtesy of Bob Walker, published with permission: https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0/

BROWNIES DI FAGIOLI NERI




Lo sapevate che con i fagioli si possono fare anche i dolci? In Giappone e in Cina i fagioli rossi sono utilizzati comunemente a questo scopo. Se avete mai avuto occasione di assaggiare le mooncakes cinesi, ebbene il ripieno dolce è fatto con i fagioli.

La ricetta qui sotto utilizza i fagioli neri ma si possono usare con altrettanto successo i fagioli rossi, non include farina quindi è adatta anche ai celiaci, non contiene zuccheri raffinati o grassi.

Cucina: USA

INGREDIENTI:

  • 2 bicchieri di fagioli neri bolliti
  • 10 datteri grandi (tipo medjool) lavati e denocciolati, o 12 – 13 se piccoli
  • 1 stecca di vaniglia o 1 cucchiaino di vaniglia liquida
  • ½ bicchiere di cacao amaro in polvere
  • 1 cucchiaio di semi di chia
  • Gocce di cioccolato fondente o noci a pezzetti a piacere (opzionale)
     

PREPARAZIONE:

  • Mettere tutti gli ingredienti in un frullatore o robot da cucina e frullare fino a che non ottenete una crema compatta e molto ben amalgamata.
  • Versate in una teglia ricoperta di carta da forno e livellate con la spatola.
  • Se utilizzate le gocce di cioccolato o noci potete mescolarle all’impasto e/o metterle sulla superficie.
  • Cuocete a forno caldo 160 gradi ventilato fino a che l’impasto non si è rappreso e risulta ben compatto con la crosta in superficie. Generalmente 30 minuti sono sufficienti ma dipende dal tipo di forno.
  • Tagliare a pezzi e lasciar raffreddare. Servire con crema di cocco montata a neve, panna vegetale o semplicemente spolverated di zucchero a velo.

Photograph courtesy of Gail, published with permission: https://creativecommons.org/licenses/by/2.0/

martedì 17 gennaio 2017

BISCOTTI CON I RESTI DEL LATTE VEGETALE



Se avete mai assaggiato il latte di mandorle, nocciole o cocco fatto in casa certamente cercherete di evitare quello confezionato industrialmente, ma ad un certo punto potreste ritrovarvi con la polpa di scarto cercando idee su che cosa farne per non dover buttare un ingrediente tutto sommato ancora pieno di nutrienti e costato non poco, visti i prezzi di noci, mandorle e nocciole.

Qui sotto potete trovare una ricetta per biscotti insolitamente leggeri e allo stesso tempo molto nutrienti senza l’impiego di grassi aggiunti o zuccheri raffinati  per utilizzare la polpa di noci e mandorle già utilizzate per fare il latte. La ricetta è facile, veloce e senza glutine.

Con un bicchiere di polpa si ottengono circa 8 – 10 biscotti, per farne una quantità maggiore potete surgelare la polpa e utilizzarla quando ne avrete accumulata a sufficienza.

INGREDIENTI:

  • 1 bicchiere di polpa di scarto del latte vegetale dopo la filtratura
  • 5 - 6 datteri secchi
  • Spezie a piacere (cannella, zenzero, cardamomo, noce moscata, chiodi di garofano un pizzico di ciascuna a piacere)
  • 1 cucchiaio e ½ di semi di lino
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaino di cacao magro (opzionale)

PREPARAZIONE:

  • Assicuratevi che la polpa di scarto sia ben spremuta con la minor quantità di liquido possibile.
  • Preparate una teglia per pizza piatta coprendola di carta da forno o coprite con l’apposita carta il vassoio del disidratatore.
  • In un tritatutto tritate il più finemente possibile i semi di lino e le spezie. Le spezie più indicate sono zenzero, cannella e cardamomo, soprattutto per l’inverno, in quanto apportano calore all’organismo, ma quali spezie utilizzare è una questione di gusto personale.
  • Mettete nello stesso tritatutto o in un frullatore le spezie ed i semi di lino tritati, la polpa di scarto ottenuta dopo la filtratura del latte vegetale, il sale, il cacao (se utilizzato) e i datteri lavati e privati del nocciolo. Tritare fino ad ottenere una pasta omogenea.
  • Se l’impasto dovesse risultare troppo secco e disfarsi, aggiungere ½ cucchiaio di olio di cocco.
  • Con l’impasto ottenuto sagomare delle palline e poi appiattirle disponendole sulla carta da forno.
  • Se utilizzate il disidratatore fare asciugare leggermente la parte esteriore, non devono asciugare del tutto o diventeranno duri, devono rimanere morbidi all’interno, a seconda del modello potreste dover utilizzare tempi diversi ma di solito un’ ora è più che sufficiente.
  • Se utilizzate il forno accendete a bassa temperatura (40 gradi massimo) e fate asciugare l’esterno, ma assicuratevi che l’interno rimanga morbido. Quando li prendete in mano devono risultare asciutti al tatto ma se premuti con le dita devono schiacciarsi con facilità.
  • In alternativa ponete i biscotti in frigo e consumate morbidi, o rotolate in cacao dolce o cocco grattugiato.
  • Notare che questa ricetta vale solo per gli scarti di noci o semi, non è possibile utilizzare allo stesso modo gli scarti di soia o riso dopo aver filtrato il latte dalla fibra.

lunedì 16 gennaio 2017

PIADINA TURCA – GOZLEME



Cucina: Turchia

Gozleme è un cibo di strada venduto ovunque in Turchia, consiste in una sottile sfoglia di pasta di pane con il ripieno. Il ripieno può essere qualsiasi cosa, generalmente una selezione di ripieni è sempre disponibile ai chioschi e comprende carne, verdure, formaggio e persino cioccolata o marmellata, ma sicuramente il ripieno più popolare è spinaci e feta.

Gozleme è preparato spesso davanti al cliente che richiede il ripieno che preferisce, cotto su una piastra di metallo calda e servito avvolto in carta per alimenti.

INGREDIENTI (Per 4 Persone)

  • 300 gr di farina mista bianca e integrale (circa 60% bianca e 40% integrale)
  • Lievito madre o lievito di birra per pizza
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • Acqua
  • Sale marino integrale
  • Spinaci, pomodori, funghi o altra verdura a piacere
  • Formaggio vegetale (tipo stracchino o mozzarella di riso comunemente in commercio o formaggio di anacardi – ricetta in questo sito) (formaggio di anacardi)
  • Olio extra vergine di oliva
  • Pepe nero o altre spezie a piacere.

PREPARAZIONE:

  • Impastare farina, zucchero, lievito e sale con sufficiente acqua tiepida da formare un impasto morbido ed elastico, lavorare per almeno 10 minuti e mettere a lievitare in un contenitore coperto da un canovaccio.
  • Quando l’impasto è raddoppiato re-impastare e lavorare nuovamente per qualche minuto, dopodiché suddividere in palline  grandi come una palla da golf o poco più e rimettere a lievitare ben distanziate in una teglia oleata coperte da un canovaccio.
  • Una volta che l’impasto è nuovamente lievitato stendere molto sottile in forma circolare con l’aiuto di un mattarello e spolverando la superficie di lavoro con farina fresca.
  • Se possedete un testo o una piastra per piadine o crepès scaldatela fino a che lasciando cadere una goccia d’acqua questa non frigge ed evapora immediatamente. Potete anche utilizzare una padella anti-aderente o una padella di ferro con fondo pesante ben calda.
  • Nel frattempo preparate il ripieno con la verdura che preferite lavata e mondata, affettata molto finemente se si tratta di funghi o zucchine, se utilizzate pomodori privateli dell’acqua a tagliateli a fettine sottili o piccoli cubetti. Gli spinaci o le bietole vanno mondati, lavati accuratamente e asciugati in una centrifuga per insalata.
  • Adagiate l’impasto sulla superficie calda del testo o della padella e cospargete del formaggio su metà del disco di pasta, poi aggiungete gli spinaci e quanto altro avete deciso di aggiungere sempre sulla stessa metà, salate e pepate a piacere e aggiungete un filo d’olio, fate in modo che l’olio sia veramente poco sennò fuoriesce e gocciola dalla piadina una volta cotta.
  • Ripiegare l’impasto su se stesso e saldare i bordi, girare la piadina fino a che non è ben cotta e croccante da entrambi i lati, nel frattempo la verdura dentro cuocerà, per questo è importante che venga tagliata molto sottile. Una volta cotta tagliare a pezzi e servire.

Photograph courtesy of Meal Makeover Moms, published with permission: https://creativecommons.org/licenses/by-nd/2.0/

giovedì 12 gennaio 2017

INSALATA DI FINOCCHI E PERE



Cucina: Italia

INGREDIENTI: (Per 2 Persone)

  • 1 finocchio medio-piccolo
  • 1 pera tipo abate o kaiser piccola
  • 1 fetta grande di pane stantio, anche integrale
  • 1 manciata di gherigli di noci (opzionale)
  • Olio extra vergine di oliva
  • Aceto balsamico
  • Sale marino integrale
  • Pepe nero macinato fresco

PREPARAZIONE:

  • Lavare e mondare il finocchio tenendo da parte le barbe verdi, affettare sottilmente.
  • Lavare la pera, tenere o no la buccia è una questione di preferenze personali, in ogni caso affettare la pera sottilmente.
  • Tritare le parti verdi del finocchio
  • Tagliare il pane raffermo a cubetti e passare in una padella anti aderente con 1 cucchiaio di olio, sale e pepe (su questo sito potete anche trovare le ricette per gustosi crostini). (crostini)
  • Trasferire le fettine di pera su due piatti, suddividendole in parti uguali e fare la stessa cosa per il finocchio, spolverare di sale, aggiungere un  paio di cucchiaini di olio extra vergine per ogni piatto e qualche goccia di aceto balsamico (o se preferite succo di limone).
  • Decorare con le parti verdi del finocchio, i crostini di pane e volendo anche qualche gheriglio di noce.

Photograph courtesy of Nick Saltmarsh, published with permission: https://creativecommons.org/licenses/by/2.0/

mercoledì 11 gennaio 2017

INSALATA DI FINOCCHI CON VINAIGRETTE ALL’ARANCIA



Cucina: Italia
INGREDIENTI: (Per 2 Persone)
  • 2 finocchi medio piccoli o uno solo se molto grande
  • Il succo di ½ arancia
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • 1 cucchiaino di senape di Dijon
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • Sale marino integrale
PREPARAZIONE:
  • Lavare e mondare il finocchio tenendo da parte le barbe verdi, affettare finemente il finocchio con l’aiuto di un mandolino da cucina e tritare finemente le parti verdi.
  • Spremere il succo di mezza arancia senza filtrarlo in una scodella, aggiungere 1 cucchiaio di succo di limone, la senape, l’olio di oliva e il sale e amalgamare con una frusta. Per fare più in fretta si può usare un frullatore ad immersione.
  • In un recipiente sufficientemente capiente condire il finocchio affettato con la vinaigrette e la parte verde del finocchio tritata.
  • Volendo decorare con qualche segmento di arancia spellato o crostini di pane

 
Photograph courtesy of stu_spivack, published with permission: https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0/

martedì 10 gennaio 2017

KARKADE’



Una delle bevande naturali più diffuse al mondo, dopo il the e il caffè, è considerata da molte culture una bevanda medicinale con effetti molto benefici sull’organismo. Il karkadè è derivato dal calice del fiore di ibisco essiccato.

Nella cultura beduina è considerato un naturale regolatore della pressione sanguigna e per questo particolarmente riverito mentre nei Caraibi e in Messico è spesso consumato freddo poiché è molto dissetante. L’ibisco è ricco di antiossidanti e svolge un’azione diuretica, ri-mineralizzante ed antisettica. Il karkadè si può bere caldo o freddo e non contiene caffeina.

 INGREDIENTI: (Per Persona)

  • 1 cucchiaio di karkadè per ogni tazza di acqua
  • Acqua possibilmente filtrata o minerale
  • Zucchero od altro dolcificante (Opzionale)
  • Limone (Opzionale)

PREPARAZIONE:

  • Mettere a bollire sufficiente acqua per la quantità di bevanda desiderata e quando l’acqua comincia a bollire mettere il karkadè in infusione (1 cucchiaio circa per persona o meno se si desidera l’infuso più leggero), far bollire per circa 2 minuti, spegnere il fuoco, coprire il recipiente e lasciare in infusione altri 5 – 10 minuti.
  • Colare e bere subito se si desidera la bevanda calda.
  • Se si desidera la bevanda fredda, colare in un recipiente dalla capacità adatta e lasciare raffreddare, aggiungere qualche cubetto di ghiaccio e una fetta di limone, conservare in frigorifero. Consumare entro 2 giorni.


Photograph courtesy of T Kiya, published with permission: https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0/

lunedì 9 gennaio 2017

CENTRIFUGA DI ZENZERO – GINGER SHOT




Lo zenzero aiuta la digestione, rafforza le difese immunitarie, apporta calore, è un  anti infiammatorio naturale,  anti-nausea ed è ricco di anti ossidanti.

In molti paesi si è diffusa l’abitudine, soprattutto in inverno, di prendere un “ginger shot” ovvero una piccola quantità di zenzero centrifugato e leggermente allungato con acqua, limone o arancio come alternativa naturale in casi di incipiente raffreddore, mal di gola, tosse o influenza.

Addirittura i chioschi di frullati e centrifughe hanno iniziato a venderlo stabilmente visto l’aumento della popolarità e delle richieste.

Si serve a piccole dosi, (shots) come si servirebbe un liquore liscio, e visto il gusto pungente dello zenzero si beve tutto d’un sorso. Normalmente 2 o 3 dosi al giorno sono sufficienti a tenere a bada mal di gola e raffreddori. La terapia va continuata per qualche giorno anche dopo la scomparsa dei sintomi.

In molti casi per rendere il gusto più gradevole si stempera con limone (anch’esso passato attraverso la centrifuga con la buccia) o succo di arancia.

INGREDIENTI: (Per Persona)

  • 1 pezzetto di zenzero fresco di circa 4 – 5 cm sbucciato
  • ¼ di limone biologico o con la buccia non trattata (opzionale)
  • Acqua minerale naturale o filtrata

PREPARAZIONE:

  • Lavare e sbucciare lo zenzero, lavare il limone.
  • Centrifugare tutti gli ingredienti, allungare con un poco di acqua minerale naturale se necessario e bere immediatamente


Photograph courtesy of Breville USA, published with permission: https://creativecommons.org/licenses/by/2.0/

giovedì 5 gennaio 2017

CARBONARA VEGANA



Cucina: Italia

INGREDIENTI: (Per 2 Persone)

  • 160 gr di pasta circa del formato preferito (anche integrale)
  • 1 bicchiere scarso di panna di soia o di mandorla
  • ½ cucchiaino di curcuma (opzionale)
  • 1 bicchiere di piselli teneri freschi o surgelati
  • 150 gr circa di tofu affumicato o in alternativa affettati vegani di quorn
  • Qualche rametto di prezzemolo.
  • Un pezzetto di cipolla bianca tritato finemente
  • Olio extra vergine di oliva
  • Sale marino integrale
  • Pepe nero macinato fresco

PREPARAZIONE:

  • Cuocere la pasta in abbondante acqua salata seguendo le istruzioni sulla confezione.
  • Scaldare 1 cucchiaio di olio in una padella antiaderente e aggiungere la cipolla tritata, soffriggere fino a che la cipolla diventa leggermente trasparente. Aggiungere la panna vegetale e cuocere qualche minuto fino a che non si è un poco rappresa, aggiungere sale e pepe a piacere e un poco di curcuma se si desidera ottenere il colore giallo tipico della carbonara.
  • Tagliare a dadini il tofu affumicato e tritare il prezzemolo finemente. In alternativa al tofu esistono in commercio affettati vegetariani e vegani ottenuti dalla lavorazione di vegetali tipo il quorn (ottenuto dai funghi).
  • A parte, bollire i piselli fino a che sono cotti, scolarli e aggiungerli alla panna vegetale, aggiungere il tofu, correggere di sale se necessario e amalgamare bene per un minuto o due.
  • Scolare la pasta e mantecare nella salsa in padella.
  • Aggiungere il prezzemolo tritato e servire.

Photograph courtesy of Carl Milner, published with permission: https://creativecommons.org/licenses/by/2.0/

mercoledì 4 gennaio 2017

INSALATA DI LEGUMI MISTI




Cucina: Italia

INGREDIENTI: (Per 2 - 3 Persone)

  • 1 tazza di ceci lessati
  • ½ tazza di fave lessate e spellate
  • 1 tazza di pomodori maturi tagliati a pezzetti (o pomodorini tagliati a metà)
  • ½ tazza di carote lessate e tagliate a cubetti (o se preferite crude e grattugiate)
  • 1 manciata di uvette lavate e asciugate
  • Qualche foglia di prezzemolo tritata
  • Olio extra vergine di oliva
  • Il succo di ½ limone
  • Sale marino integrale
  • Pepe nero macinato fresco

PREPARAZIONE:

  • Mettere i legumi e le verdure in una terrina sufficientemente capiente e condire con olio, limone, sale e pepe a piacere, aggiungere il prezzemolo tritato e le uvette, mescolare bene e servire con pane integrale tostato.

Photograph courtesy of Meal Makover Moms, published with permission: https://creativecommons.org/licenses/by-nd/2.0/