venerdì 15 dicembre 2017

PANE DI PATATE




Ho trovato la ricetta per il pane piatto di patate presso il sito di Happy Foods Tube: https://www.happyfoodstube.com/mashed-potato-flatbread/, questo tipo di pane è popolare nei paesi Scandinavi e Baltici e in Russia ma si può trovare in tantissimi altri paesi inclusa l’Irlanda, si ritrova con diversi nomi come lokshe, lefse, blini, farls a seconda della zona e del paese. Quello che preferisco in questa ricetta è che non è necessariamente previsto l’uso del burro che invece viene spesso e volentieri aggiunto in abbondanza.
Il pane si può fare con patate bollite o con gli avanzi del purè e non prevede grassi aggiunti, tuttavia ho provato a farlo aggiungendo un cucchiaio di olio di oliva. pepe e poco rosmarino fresco tritato e trovo che è molto più saporito, quindi propongo in traduzione la versione di Happy Foods Tube con la variante da me preferita: 

INGREDIENTI: (per 8 porzioni di pane)
·         1 tazza (circa 250 gr) di patate bollite e schiacciate o di purea di patate
·         1 tazza di farina per tutti gli usi + un poco di farina per il tavolo di lavoro
·         Sale marino integrale (opzionale)
·         Pepe nero macinato fresco (opzionale)
·         1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva (opzionale)
·         1 cucchiaino di rosmarino fresco tritato o altra erba aromatica a scelta; prezzemolo, aneto ed erba cipollina sono anche ottimi. (Opzionale) 

PREPARAZIONE:
·         In una terrina mescolate le patate o il purè con la farina, se il purè è già condito ed è molto molle potreste dover aumentare la quantità di farina.
·         Lavorate fino a formare un impasto sodo e aggiungete sale quanto basta; la quantità di sale dipende se utilizzate patate senza condimento o purè.
·         Se preferite aggiungete un cucchiaio di olio, pepe ed erbe aromatiche tritate all’impasto.
·         Lavorate l’impasto in un cilindro e tagliate 8 parti uguali.
·         Infarinate la superficie di lavoro e aiutandovi con un mattarello stendete ciascuna parte dell’impasto in un disco piatto e sottile.
·         Mettete una padella anti aderente con il fondo spesso o una padella di ferro pesante a scaldare sul fuoco, il fuoco non deve essere troppo alto altrimenti il pane brucia e non cuoce. La padella è pronta quando una goccia di acqua lasciata cadere sulla superficie sfrigola ed evapora immediatamente.
·         Appoggiate il disco di impasto sulla superficie calda della padella e lasciate cuocere 1 minuto circa per parte.
·         Tenete il pane in caldo coperto con un canovaccio o un foglio di alluminio per alimenti.
·         Servire caldo.
·         Tradizionalmente è servito a colazione insieme a uova, formaggi, pesce affumicato ed affettati come tradizione nei paesi del nord, ma può accompagnare altrettanto bene insalate, verdura cotta alla piastra, curry di verdure e minestre.

Photograph courtesy of Stacy Spensley, published with permission: https://creativecommons.org/licenses/by/2.0/

giovedì 14 dicembre 2017

PAN BRIOCHE




Un classico Francese rivisitato in versione vegana, soffice e leggero il pan brioche è ottimo tostato con la marmellata a colazione e accompagna molto bene il caffè o il the anche da solo. Se si dispone di uno stampo per muffins si può fare delle mono porzioni per i bambini da portare a scuola al posto delle merendine.

INGREDIENTI:
·         380gr di farina tipo 1 (di frumento o di farro)
·         1 bustina di lievito di birra essiccato
·         250 ml di latte vegetale (va bene anche aromatizzato alla vaniglia)
·         55 gr di zucchero di canna tipo demerara
·         70 gr di olio vegetale (oliva o cocco)
·         1 pizzico di sale
·         Zucchero a velo o granella di zucchero

PREPARAZIONE:
·         Stemperate lo lievito nel latte vegetale leggermente tiepido (non caldo altrimenti le spore dello lievito vengono danneggiate) con un cucchiaino di zucchero.
·         Quando lo lievito comincia produrre schiuma in superficie, aggiungere alla farina e agli altri ingredienti (tranne la granella di zucchero) in una terrina capiente.
·         Impastare a lungo fino che tutti gli ingredienti sono ben amalgamati e l’impasto è soffice ed elastico ma non appiccicoso.
·         Coprire con un canovaccio e lasciare lievitare per almeno mezz’ora.
·         Impastare nuovamente e dividere l’impasto in 3 parti, lavorare ciascuna delle tre parti in un cordone e intrecciare fra loro a formare una treccia.
·         Ungere leggermente uno stampo da plum cake e mettere la treccia a lievitare nuovamente coperta da un canovaccio leggermente umido e in un posto tiepido.
·         Quando l’impasto è raddoppiato in volume, cospargere di granella di zucchero e infornare a forno caldo a 160° e cuocere per almeno 40 – 45 minuti o, a seconda delle prestazioni del forno, fino a quando il pan brioche è ben colorito in superficie ed uno stuzzicadenti inserito nell’impasto viene fuori pulito.
·         Se non avete granella di zucchero cuocetelo senza nulla e cospargetelo di zucchero a velo una volta cotto e raffreddato.
·         Ottimo servito con confettura di frutta insieme alla colazione.

Photograph by Campus France: published with permission: https://creativecommons.org/publicdomain/zero/1.0/

mercoledì 13 dicembre 2017

BISCOTTI ALLO ZENZERO




I biscotti aromatizzati allo zenzero e cannella sono una tradizione del nord Europa che si rinnova ogni Natale. Spesso fatti in casa coinvolgendo i bambini nella loro preparazione e decorazione, sono regalati ad amici e parenti e gustati a fine pasto con the o caffè.
Le ricette sono tantissime con o senza ingredienti di origine animale, ma in tutte prevale l’uso dello zucchero integrale o della melassa di zucchero che dà loro il caratteristico colore scuro.
La ricetta riportata qui sotto è testata da diversi anni di uso senza che nessuno si sia mai accorto che i biscotti sono vegani. 

INGREDIENTI:
3 bicchieri di farina bianca o integrale o mista bianca e integrale
La buccia grattugiata di un limone o arancia (scegliete un agrume biologico o non trattato in superficie)
Un poco di succo di limone o arancia
1 bustina di lievito per dolci
½ cucchiaino di bicarbonato di sodio
Un pizzico di sale
½ bicchiere di burro di cocco (ricetta qui) o 4 cucchiai di olio di cocco solidificato 
1 sostituto dell’uovo formato con 1 cucchiaio di semi di lino tritati finemente (o farina di semi di lino) e 3 cucchiai di acqua
¾ di bicchiere di zucchero integrale di canna (tipo muscovado)
½ bicchiere di melassa di canna da zucchero o golden syrup (o miele se la vostra dieta lo consente)
Se lo lievito non era aromatizzato alla vaniglia aggiungete la polpa di ½ stecca di vaniglia o una bustina di vanillina
1 cucchiaio di zenzero pelato e grattugiato (o 1 cucchiaino colmo di zenzero in polvere)
½ cucchiaino di cannella
¼ di cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
Poca noce moscata grattugiata
Zucchero a velo (senza amido) per la decorazione (opzionale) 

PREPARAZIONE:
In una terrina piccola unite i semi di lino tritati e l’acqua e lasciate riposare qualche minuto affinché si formi un poco di gelatina.
Se usate la stecca di vaniglia, con un coltellino appuntito aprite la stecca sulla lunghezza e raschiate la polpa all’interno.
In una terrina capiente setacciate la farina, aggiungete la polpa della vaniglia, la buccia del limone o arancio grattugiata, il sale, le spezie e lo zucchero e mescolate.
Aggiungete alla farina il burro (o l’olio) di cocco, la melassa, il sostituto dell’uovo e mescolate aggiungendo con molta parsimonia del succo di limone o arancio quanto basta per ottenere un impasto sodo che non appiccichi alle mani e si possa stendere con il mattarello.
La melassa tende a dare ai biscotti un colore molto scuro e un retrogusto amarognolo per questo in molte ricette è sostituita con il miele o il golden syrup.
Per ultimi incorporare nell’impasto il bicarbonato e lo lievito, impastando bene affinché gli ingredienti siano ben distribuiti e amalgamati nell’impasto.
Infarinate il piano di lavoro e stendete una parte di impasto alla volta fino a formate uno strato di circa 4 mm che poi taglierete con gli appositi stampini da biscotti, o in mancanza di quelli utilizzate un bicchiere.
Foderate una placca con carta da forno e adagiate i biscotti distanziati tra loro. Infornate a forno avviato e settato a 160° ventilato.
A seconda delle prestazioni del forno e a seconda che si preferiscano i biscotti più o meno croccanti, i biscotti vanno cotti dai 10 ai 15 minuti, normalmente quando sono coloriti in superficie sono pronti.
La quantità di impasto qui sopra produce circa 2 placche di biscotti piene.
Lasciate raffreddare e una volta freddi si possono decorare con la tradizionale ghiaccia fatta in casa con zucchero a velo e un poco di succo di limone e distribuita con il sacchetto da pasticceria o con la ghiaccia colorata già pronta nei tubetti comunemente in commercio, quest’ultima opzione è in genere la favorita dei bambini perché è molto facile da usare.
Una volta decorati i biscotti vanno fatti asciugare in modo che la ghiaccia non si appiccichi alle mani. I più bravi con lo stesso impasto e la stessa tecnica riescono anche a costruire le casette di pan di zenzero e le decorazioni per l’albero di Natale.

Photograph courtesy of Solyanka, published with permission: https://creativecommons.org/licenses/by/2.0/

mercoledì 15 novembre 2017

CHAPATI


Cucina: India

Chapati (o Chapatti) è un pane estremamente semplice fatto di 3 soli ingredienti e senza grasso, tradizionale del India del Nord ma diffuso largamente anche in Asia ed Africa. Si prepara e si consuma immediatamente ad ogni pasto.
Il chapati tradizionale utilizza una farina semi integrale che di solito è venduta già miscelata nei negozi indiani, se tuttavia non avete accesso a negozi etnici potete utilizzare farina integrale o un misto di farina integrale e bianca (generalmente consigliato 2 parti di farina integrale e una parte di farina bianca).

INGREDIENTI:
·         500 gr di farina integrale o miscela per chapati (come descritto sopra)
·         Acqua q.b. per ottenere un impasto compatto
·         Sale marino integrale (circa 1 cucchiaino).

PREPARAZIONE:
·         Setacciare la farina in un recipiente e aggiungere l’acqua a poco a poco. La quantità di acqua dipende dal contenuto di fibra della farina, l’impasto non deve essere molle ma abbastanza compatto, si deve poter lavorare con le mani senza che appiccichi, per cui è preferibile aggiungere l’acqua a poco a poco per evitare errori. Più la farina contiene fibra più acqua richiede.
·         L’impasto deve essere lavorato per almeno 10 minuti e poi arrotolato e steso diverse volte e deve prendere una consistenza liscia. A questo punto si può aggiungere il sale. Lavorare nuovamente l’impasto per almeno altri 10 minuti per consentire la distribuzione uniforme del sale nell’impasto.
·         Lasciar riposare l’impasto coperto da un telo umido per almeno 20 minuti, meglio se più a lungo; durante il riposo la fibra nell’impasto si espande ulteriormente ed assorbe l’umidità del panno.
·         Trascorsi i minuti di riposo, dividere l’impasto in palline grandi circa quanto una palla da golf o del peso di circa 50 grammi. Spolverare il tavolo di lavoro con farina e stendere l’impasto molto sottile aiutandosi con un mattarello.
·         E’ fondamentale sorvegliare la cottura che è molto rapida; scaldare una padella di ferro o una padella anti aderente con il fondo spesso sulla fiamma, la padella è pronta quando una goccia di acqua lasciata cadere sfrigola ed evapora immediatamente. Le piaste per le crepes or per il testo sono anche ottime per cuocere i chapati. Per evitare di ottenere pane bruciato è necessario che la padella utilizzata abbia un fondo spesso e con una buona conduzione termica.
·         Appoggiale un disco di pasta sulla padella o sulla piastra calda e aspettare che formi delle bolle, servendosi di un tovagliolo per non bruciarsi schiacciare le bolle leggermente per permettere all’aria di espandersi dentro l’impasto. Quando la parte del chapati a contatto con la superficie calda è colorita, girare il chapati e ripetere l’operazione.
·         Rimuovere il chapati dalla padella quando è colorito da entrambi i lati e riporre in un contenitore coperto da un panno per conservare al caldo.
·         Servire i chapati caldi; si sposano benissimo ovviamente con tutti i piatti indiani ma anche con insalate, verdure cotte, minestre e persino con il thè speziato tradizionale dell’India.

Photograph courtesy of CCFoodTravel.com; published with permission: https://creativecommons.org/licenses/by/2.0/

venerdì 10 novembre 2017

GNOCCHI DI ZUCCA




INGREDIENTI: (per 3 – 4 Persone)
·         350 gr di zucca cotta in forno
·         150 gr di farina (anche integrale)
·         Sale marino integrale 

PREPARAZIONE:
·         Scegliete una zucca di circa 1 Kg, le migliori sono quelle a pasta più densa tipo le mantovane o le zucche a pera (butternut squash), lavatela, tagliate a fette e scartate i semi e la parte filosa.
·         Mettete in forno a 160 gradi ventilato fino che la zucca è cotta. Lasciate raffreddare, scartate la buccia e schiacciate la polpa di zucca con l’attrezzo per il purè oppure passatela nel passaverdura; dovreste riuscire ad ottenere circa 350-400 gr di polpa di zucca. 
·         Aggiungete la farina e il sale e mescolate bene, se dovesse essere necessario aggiungere farina, dovreste ottenere un composto che non si sfalda lavorandolo. Volendo si può aggiungere una patata bollita all’impasto per renderlo più omogeneo.
·         Riducete l’impasto in cilindri e tagliate dei gnocchi passandoli poi sulla forchetta o sulla grattugia.
·         Bollite gli gnocchi in abbondante acqua salata e rimuovete dall’acqua di cottura quando vengono a galla.
·         Per esaltare il sapore della zucca un condimento semplice è migliore come olio profumato con rosmarino o verdure saltate con poco olio sale e pepe e salvia, pesto di basilico senza aglio, o spinaci passati in padella con olio, aglio e pepe nero. In commercio esistono anche formaggi vegani sostitutivi del parmigiano che si possono utilizzare per insaporire ulteriormente.

Photograph courtesy of Meal Makeover Moms; published with permission: https://creativecommons.org/licenses/by-nd/2.0/